Anestesiologia

L’associazione Periplo Familiare tutela i diritti dei pazienti danneggiati e dei loro familiari supportandoli prima di tutto nelle giuste azioni da compiere.

Scopri di più

L’anestesiologia è quella branca della medicina che si occupa dello studio e dell’attuazione dell’anestesia chirurgica, della preparazione del paziente all’intervento e del controllo delle sue funzioni vegetative, sia durante l’atto operatorio sia nella fase successiva.

Gli scopi per cui viene praticata l’anestesia sono: la soppressione dello stato di coscienza (ipnosi), l’abolizione del dolore (analgesia), il rilassamento dei muscoli (miorisoluzione), l’abolizione del ricordo (amnesia) e la riduzione delle complicazioni legate allo stress chirurgico.

I casi più frequenti di errori medici che si registrano in ambito anestesiologico sono principalmente determinati dalla omessa o erronea analisi preoperatoria del paziente, che può comportare una scorretta procedura di intubazione, un errato inserimento dell’ago, l’incongruo dosaggio dei farmaci o reazioni allergiche.

Di seguito la lista di alcuni casi interessanti dei quali si è occupata l’Associazione.

Farmaco anestetico

Con la dicitura “farmaci anestetici” si indica un gruppo eterogeneo di principi attivi che, agendo in siti diversi e con meccanismi d’azione differenti, inducono anestesia, ovvero, una perdita di sensibilità che può essere associata o meno aperdita di coscienza.

Intubazione

L’intubazione è una pratica eseguita dal medico anestesista durante una anestesia generale, poiché, per determinare l’effetto, al paziente vengono somministrati dei farmaci che inibiscono la sua respirazione.

Il tubo endotracheale, invece, collegato a un respiratore automatico, permette la corretta respirazione del soggetto durante l’operazione chirurgica.

L’intubazione può causare danni ai denti, oltre a frequenti fastidi alla gola. In casi più rari, può provocare danni ai tessuti che attraversa, determinando anche emorragie, e possono verificarsi inconvenienti nei casi in cui le caratteristiche anatomiche del paziente rendano più problematico il corretto posizionamento del tubo nelle vie aeree.

Valutazione Preoperatoria

Prima di un intervento chirurgico, per valutare eventuali rischi, viene eseguita da consulenti non chirurghi (ad esempio internisti, cardiologi, pneumologi) un’approfondita valutazione medica sul paziente. Queste figure mediche preposte all’analisi possono anche aiutare a prevenire e/o curare le complicanze preoperatorie e postoperatorie nel caso in cui si verificassero in relazione a patologie preesistenti.

La consulenza psichiatrica è occasionalmente necessaria per valutare l’esistenza di problematiche o aiutare ad affrontare problemi psichiatrici di base che possono interferire con la guarigione.