Chirurgia Plastica

L’associazione Periplo Familiare tutela i diritti dei pazienti danneggiati e dei loro familiari supportandoli prima di tutto nelle giuste azioni da compiere.

Scopri di più

La chirurgia plastica è una branca della chirurgia finalizzata alla riparazione di malformazioni e difetti morfologico-funzionali e al rimodellamento di tessuti, specialmente tegumentari (cute, sottocute, fasce, muscoli, ossa, ecc.). Le anomalie anatomiche di cui occupa possono essere congenite o secondarie a traumi, neoplasie o a malattie degenerative. Le tecniche più utilizzate sono rappresentate dagli innesti e dai lembi.

I casi più frequenti di errori medici si registrano nella mastoplastica additiva e riduttiva (deturpazione, asimmetria, danni ai tessuti o ai nervi, erronea misura della protesi e infezioni), nella rinosettoplastica (problemi respiratori o deviazioni del setto), nell’addominoplastica (coaguli, emorragie interne, lesioni o perforazioni di organi) e nella chirurgia plastica del viso (lesioni ai nervi, reazioni allergiche).

Di seguito la lista di alcuni casi interessanti dei quali si è occupata l’Associazione.

Mastoplastica additiva

La mastoplastica additiva è un intervento di chirurgia estetica che consiste nell’introdurre delle protesi mammarie per aumentare il volume dei seni. Questa procedura, finalizzata all’ingrandimento del seno, col tempo è divenuta sempre più personalizzabile e accurata: basti pensare che i materiali utilizzati per le protesi sono sempre più sofisticati e biocompatibili, con forme e volumi variabili e superfici di vario tipo.
La tecnica più diffusa consiste nell’inserimento di protesi mammarie molli, costituite da un involucro di silicone e riempite con gel di silicone per ingrandire o ricostruire il seno.

Mastopessi

La mastopessi, più comunemente nota come lifting del seno, è un intervento molto richiesto in chirurgia estetica ed è indicata per le donne che desiderano risollevare un seno cadente (ptosi mammaria) o ridurre e modificare la forma e le dimensioni dell’areola.

Rinosettoplastica

La rinosettoplastica è l’intervento di rinoplastica associato all’intervento di settoplastica. La rinoplastica è l’operazione di chirurgia estetica praticata per rimodellare il naso e rispondere alla necessità di modificare il proprio aspetto. La settoplastica, invece, è l’operazione chirurgica, con scopo esclusivamente terapeutico, che serve a correggere la condizione di setto nasale deviato.

Addominoplastica

L’addominoplastica è l’operazione di chirurgia estetica finalizzata alla rimozione del tessuto adiposo e della pelle in eccesso. L’intervento è finalizzato a migliorare l’aspetto estetico dell’addome, ma non è un trattamento per il controllo del peso corporeo. È inoltre indicata per la diastasi dei muscoli retti dell’addome (ovvero un indebolimento dei muscoli della parete addominale) causato da gravidanze ripetute, da dimagrimenti importanti e da uno stile di vita sedentario. Talvolta si esegue anche per un eccesso di grasso e di cute, altresì chiamato addome globoso, concentrato nella parte inferiore della pancia.

Ricostruzione Mammaria

La ricostruzione del seno è oggi considerata parte integrante della cura del cancro, tanto che della spesa se ne fa carico il Servizio Sanitario Nazionale. A mano a mano che la malattia diventa sempre più curabile, si fa infatti più pressante l’esigenza che lasci meno conseguenze possibili, anche dal punto di vista estetico. Anche quando la mastectomia totale non può essere evitata, si può trovare una soluzione tale da permettere alla donna di non viverla come una mutilazione.

Altro obiettivo della ricostruzione mammaria è quello di ottenere la migliore simmetria tra la mammella ricostruita e quella conservata, con il minor danno possibile per la paziente in termini di cicatrici e di sofferenze. La ricostruzione avviene secondo diverse tecniche, che possono essere distinte in due grandi gruppi: con l’utilizzo di materiali protesici (protesi, espansori, ecc.) oppure con l’utilizzo di soli tessuti della paziente (lembo dorsale, addominale, grasso ecc). La strada da seguire viene scelta caso per caso, anche in base alla conformazione fisica e all’età della paziente. A seconda delle necessità, l’intervento viene eseguito in anestesia locale, eventualmente con sedazione, o in anestesia generale.