Ginecologia Ostetrica

L’associazione Periplo Familiare tutela i diritti dei pazienti danneggiati e dei loro familiari supportandoli prima di tutto nelle giuste azioni da compiere.

Scopri di più

La ginecologia è una branca della medicina che ha per oggetto lo studio e la cura delle patologie della donna per quanto concerne l’apparato riproduttivo e sessuale.

L’ostetricia invece è un ramo delle professioni sanitarie che si occupa dell’assistenza alla donna durante la gravidanza, il parto ed il puerperio. Essa studia le normali modificazioni che avvengono all’interno del corpo femminile durante la gravidanza, durante le fasi del parto e nell’immediato periodo dopo il parto. Si occupa di tutte le condizioni patologiche che possono insorgere a carico della madre e del bambino. Si avvale, inoltre, di due figure professionali: il medico specializzato in ostetricia e ginecologia e la figura professionale dell’ostetrica, professionista specializzata nell’assistenza alla donna prima, durante e immediatamente dopo il parto.

I casi più frequenti di errori medici che si registrano in ostetricia sono costituiti dal ritardo nell’espletamento del parto e conseguente morte o grave invalidità del neonato, la mancata diagnosi di malformazioni in epoca prenatale in tempo utile per poter effettuare l’aborto terapeutico, l’omessa o intempestiva diagnosi del distacco della placenta e la distocia della spalla del neonato; mentre in ginecologia i casi più ricorrenti sono rappresentati dalla omessa diagnosi di tumori dell’apparato genitale femminile e l’ingiustificato intervento di isterectomia.

Di seguito la lista di alcuni casi interessanti dei quali si è occupata l’Associazione.

Diagnosi prenatale

Per diagnosi prenatale si intende un insieme di indagini, sia strumentali sia di laboratorio, aventi lo scopo di monitorare alcuni aspetti dello stato di salute del feto durante la gravidanza.
Nella popolazione generale, la probabilità di avere un bambino con un problema presente alla nascita (congenito) è pari a circa il 3%; nell’1% dei casi si tratta di anomalie che riguardano i cromosomi o il DNA, negli altri casi di malformazioni congenite (ad esempio del cuore o dei reni) o di altre malattie (ad esempio, malattie infettive).

Tutte le indagini prenatali disponibili (ecografie, test non invasivi e test invasivi) permettono di identificare solo alcune malattie o condizioni patologiche ed è importante che ogni coppia scelga con consapevolezza se sottoporvisi o meno. Offrire alla coppia un colloquio con un genetista che permetta loro di effettuare una scelta informata e consapevole è parte integrante della diagnosi prenatale.

Rottura uterina

La rottura d’utero in gravidanza  o nel post-partum può verificarsi in seguito ad eventi traumatici accidentali  o traumi da manovre ostetriche per distocia (rivolgimento interno, applicazione alta di forcipe o ventosa, manovra di McRoberts, manovra di Jacquemier, manovra di Wood, manovra di Rubin) con una frequenza che oscilla fra lo 0.5% e il 3.5%.

In caso di macrosomia fetale, durante il travaglio l’espulsione del feto diventa difficoltosa o impossibile e allora il corpo dell’utero si contrae sempre più sul polo fetale mentre il segmento uterino inferiore si allunga e si assottiglia fino a lacerarsi. Stesso meccanismo si verifica in caso di iperdosaggio di ossitocina o di prostaglandine.
In tal caso all’ipertonia delle pareti uterine si oppongono i diametri fetali non idonei al passaggio attraverso il canale del parto per mancata riduzione e/o rotazione. Se avvenga o meno la rottura dell’utero dipende dalla resistenza opposta all’espulsione, dalla forza di contrazione del corpo dell’utero e dalla presenza di fattori favorenti la rottura.

Parto Cesareo

Il parto cesareo è un intervento chirurgico nel quale la nascita del bambino avviene attraverso un taglio nell’addome della madre. Il ginecologo e/o la donna scelgono questa modalità quando si presentano essenzialmente due situazioni: un parto programmato o un parto in emergenza.

Un parto cesareo, inooltre, può risultare necessario quando sussistono: problemi di salute nella madre, nel bambino, parto gemellare, dimensione o posizione del bambino, problemi durante il travaglio.
L’intervento è relativamente sicuro per entrambi, soprattutto quando programmato, anche se si tratta pur sempre di un intervento chirurgico. Il principale svantaggio rispetto al parto tradizionale è la necessità di un periodo di convalescenza più lungo per la mamma e un aumento del rischio di complicazioni nel caso di successive gravidanze.

Fibromi Uterini

I fibromi uterini, conosciuti anche come leiomiomi o miomi, sono tumori benigni dell’utero piuttosto comuni, tanto che circa il 30% delle donne ne soffre, anche se la maggior parte di esse non presenta alcun sintomo.

Calcolo del danno biologico

Raccontaci il tuo caso e scopri quale risarcimento potresti ottenere in base agli altri casi, simili al tuo, che abbiamo affrontato durante i nostri 27 anni di esperienza.

Scarica la Guida ai tuoi diritti

Tutto quello che bisogna sapere a proposito degli errori medici

Scarica la guida
Scarica Ora

Siamo spiacenti, ci sono problemi con l'invio del modulo.
Riprova più tardi.

Raccontaci il tuo caso

Compila il form e spiegaci cosa è accaduto. Ti ricontatteremo al più presto per approfondire il tuo caso e fornirti assistenza.

Invia la tua
richiesta

Siamo spiacenti, ci sono problemi con l'invio del modulo.
Riprova più tardi.