Un blog sempre aggiornato sulle vicende di malasanità


Obbligo per la ricetta elettronica veterinaria: maggiore tutela della salute pubblica e alimenti più sani e sicuri

Dopo tanti tira e molla è partito finalmente ad aprile l’obbligo della ricetta veterinaria elettronica.  


Cos’è la ricetta elettronica veterinaria?

Si tratta di un’innovazione destinata a semplificare la vita di tutti sia degli allevatori, sia dei proprietari di piccoli animali, sia dei farmacisti. La ricetta elettronica serve anche per aumentare il livello di sicurezza alimentare e al contempo, a ridurre gli oneri burocratici e la spesa.
 
Siamo i primi in Europa ad adottare questo sistema innovativo nel campo della sanità animale che rappresenta un passo fondamentale nella strategia di lotta all’antibiotico-resistenza. Il fenomeno infatti assume, di giorno in giorno, le dimensioni di una minaccia globale per la salute pubblica. 
 
L’Organizzazione Mondiale della Sanità stima infatti che nel 2050 il fenomeno della antimicrobico-resistenza sarà responsabile di 2,4 milioni di morti soltanto nell’area OCSE, con un impatto sull’economia pari a 3,5 miliardi di dollari l’anno, solo in Italia si rischiano mezzo milione di decessi, con un costo per il nostro Servizio sanitario pari a 13 miliardi di dollari.


L’uso prudente e responsabile degli antibiotici rappresenta la principale arma per contrastare la diffusione di batteri resistenti e la ricetta veterinaria elettronica permette di valutarlo registrando il consumo reale e tracciando ogni anello della filiera.



La ricetta veterinaria elettronica non rappresenta solo un’innovazione tecnologica destinata a rivoluzionare il settore della sanità animale ma andrà a garantire maggiore tutela della salute pubblica e alimenti più sani e sicuri.
 
Cosa c’è da sapere di preciso?
La ricetta veterinaria elettronica, attraverso l’alimentazione del Sistema Informativo Nazionale per la Farmacosorveglianza, traccia l’intero ciclo di gestione dei medicinali e dei mangimi medicati/prodotti intermedi destinati all’uso in veterinaria, dalla prescrizione-erogazione fino alla registrazione delle informazioni dei trattamenti effettuati. 

Come funziona?
La ricetta veterinaria elettronica è identificata da un Numero Ricetta e da un PIN di 4 cifre generato dal sistema al momento dell’emissione da parte del medico veterinario.
                
I cittadini possono rivolgersi al farmacista fornendo il numero della ricetta e il PIN o, più semplicemente, il proprio codice fiscale e il PIN. Se si è un allevatore, in alternativa, potrà fornire il codice azienda e il PIN. Il farmacista sarà in grado in questo modo di acquisire la prescrizione digitale e di consegnare il medicinale al cliente.

Per concludere
La nuova ricetta veterinaria elettronica offre una serie di vantaggi:

• Aumenta la tutela della salute pubblica e dell’ambiente

• Favorisce l’uso corretto dei medicinali veterinari

• Rileva il consumo reale dei medicinali veterinari 

• Rafforza la lotta all’antimicrobico-resistenza

• Migliora il sistema di tracciabilità dei medicinali veterinari

• Riduce gli adempimenti e i costi

• Rende più efficiente l’attività di farmacosorveglianza e di analisi del rischio sanitario

• Rinforza il ruolo del Medico Veterinario quale unico gestore del medicinale veterinario


Raccontaci la tua storia.
Saremo sempre dalla tua parte.

Contattaci, riceverai una consulenza gratuita senza alcun impegno.

Dopo aver cliccato su “Invia” riceverai una email automatica di conferma.
In caso contrario ti invitiamo a segnalarcelo scrivendo la tua richiesta di consulenza a: richieste@periplofamiliare.it


Web & Communication Design by The Sign Society