Un blog sempre aggiornato sulle vicende di malasanità


Costretto a rivolgersi privatamente ma risarcito: la storia di Salvatore

L’aggettivo “urgente” non ha per tutti lo stesso significato.

È il 3 settembre del 2004, e Salvatore si sta preparando per un pranzo in famiglia ma non si sente bene. Non vuole perdersi una giornata insieme ai suoi affetti ma qualcosa proprio non va. Sta finendo di vestirsi quando di colpo la vista si annebbia. Salvatore accusa un forte malessere e chiede alla moglie e ai suoi figli di portarlo in ospedale.

Nessuno perde tempo e subito tutti si recano con grande preoccupazione presso un grande ospedale romano. Durante il controllo al pronto soccorso, Salvatore perde conoscenza e viene trasferito in stato comatoso in un altro grande ospedale. L’indicazione dei medici è quella di un intervento d’urgenza. Non si può aspettare, Salvatore deve essere operato immediatamente.

Il personale medico del nuovo ospedale, ricevuta l’allerta, comunica ai familiari di aver trasportato Salvatore in sala operatoria. Finalmente si può tirare un sospiro di sollievo, Salvatore è stato preso in carico dai medici. Ma in realtà Salvatore non è in sala operatoria: medici e infermieri sono occupati in un altro caso di maggior urgenza. Nessuno apre un’altra sala per intervenire. Nessuno si occupa di lui. Salvatore resta in attesa e le sue condizioni iniziano a peggiorare.

Ma per fortuna ad assisterlo ci sono i suoi angeli: la moglie e i figli decidono di chiamare un neurochirurgo privato che si rende disponibile a un intervento d’urgenza. Così Salvatore viene trasferito e operato in una clinica privata. Questa volta l’intervento viene eseguito: Salvatore è fuori pericolo.



L’INCONTRO CON LA NOSTRA ASSOCIAZIONE

Salvatore ci raggiunge in Associazione accompagnato dalla sua famiglia. Per l’intervento nella clinica privata, hanno dovuto pagare ventimila euro. È Salvatore a raccontarci com’è andata: “Io capisco che in un ospedale ci siano tante emergenze, soprattutto in una grande struttura come quella dov’ero io. Ma anche io dovevo essere operato d’urgenza, e poi perché non aprire un’altra sala operatoria”. Le parole di Salvatore sono lente e ben scandite. Non c’è traccia di rabbia ma solo il desiderio di giustizia, anche la sua famiglia non riesce a spiegarsi perché sia andata così. Salvatore sta bene ma ha dovuto pagare per ricevere una cura a cui aveva diritto, rischiando anche di non farcela.

 

IL RISARCIMENTO

Il percorso verso il risarcimento è stato piuttosto lungo. L’Azienda Ospedaliera ha sempre negato la restituzione della somma versata dalla famiglia alla clinica privata. Solo dopo essere andati a giudizio, nel 2018, è stata riconosciuta la risarcibilità del danno e pertanto l’ospedale è stato condannato a restituire quanto corrisposto dal paziente per l’intervento presso la clinica privata, ovvero una somma pari a 20.000 euro.


Raccontaci la tua storia.
Saremo sempre dalla tua parte.

Contattaci, riceverai una consulenza gratuita senza alcun impegno.

Dopo aver cliccato su “Invia” riceverai una email automatica di conferma.
In caso contrario ti invitiamo a segnalarcelo scrivendo la tua richiesta di consulenza a: richieste@periplofamiliare.it


Web & Communication Design by The Sign Society