Un blog sempre aggiornato sulle vicende di malasanità


Terapia del dolore: più conoscenza della legge, meno soddisfazione sui servizi

È la fotografia emersa dalla seconda indagine sulla legge n. 38 del 2010. È aumentata la conoscenza della legge ma c’è ancora molto da fare

A 9 anni dall’approvazione della legge 38 del 2010, per garantire l’accesso alle cure palliative e alle terapie del dolore, il quadro dell’accesso a queste prestazioni in Italia non sembra cambiato. È semmai peggiorato. Negli ultimi due anni infatti è cresciuta l’insoddisfazione nei confronti dei servizi domiciliari e degli hospice (le strutture sanitarie che erogano il servizio), sono calate le prescrizioni per visite specialistiche nei Centri di terapia del dolore, mentre è in lieve crescita il livello di conoscenza dei diritti del malato, e rimane stabile l’ignoranza sui tipi di cure disponibili e sui farmaci.
 

Sono quindi aumentate le persone consapevoli dell’esistenza della legge 38, dal 37% a 45%. Ma solo il 35% sa che la norma obbliga le strutture sanitarie a misurare il dolore e ad annotarlo nella cartella clinica. Inoltre, il 43% non conosce i farmaci oppiacei, il 45% pensa siano utili solo per curare dolore acuto e cronico, l’8% pensa servano solo ai pazienti fin di vita.



L’Italia è stato il primo Paese europeo a dotarsi di una legge sul dolore. Ma cos’è la legge n. 38 del 2010? 

Nel 2010 è stata emanata la legge n. 38 che riguarda “Disposizioni per garantire l’accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore”. La terapia del dolore si applica a persone affette da una patologia cronica, per la quale non esistono terapie o, se esistono, sono inadeguate o risultano inefficaci ai fini di un prolungamento significativo della vita. Si rivolge inoltre a quelle persone colpite da una patologia dolorosa cronica, anche se non mortale, che causa gravi dolori.

Ma quando si parla di dolore, va precisato che il dolore non è solo fisico, ma è anche sociale e morale. L’umanizzazione delle cure, la comunicazione tra medico e paziente, trattare la persona e non solo la malattia: tutto diventa parte della terapia per combattere il dolore in tutte le sue forme.

Gli hospice, le strutture sanitarie che erogano cure palliative e terapia del dolore, devono assicurare un programma di cura individuale per il malato e per la sua famiglia, nel rispetto dei princìpi fondamentali della tutela della dignità e dell’autonomia del malato, senza alcuna discriminazione; della tutela e promozione della qualità della vita in ogni fase della malattia, in particolare in quella terminale, e di un adeguato sostegno sanitario e socio-assistenziale della persona malata e della famiglia.

 

La situazione in Italia

“A volte in Italia facciamo belle leggi ma non le applichiamo” ha detto Livia Turco ex Ministro della Salute, “La legge 38 è tra le più innovative in Europa sul tema. Il governo se ne occupi, inserisca l’applicazione di questa legge nel nuovo Patto della salute. E poi si facciano le cose previste dalla legge, in particolare sulla formazione. Si completino gli hospice su territorio nazionale perché ci sono troppe differenze regionali. E si migliori l’assistenza domiciliare, è quella la via maestra”.

L’accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore a livello nazionale non è uniforme: solo in alcuni luoghi infatti si assiste a un servizio avanzato ed efficiente. Si evidenzia anche un ritardo nella formazione degli operatori sanitari ed emerge ancora poca attenzione alla registrazione del dolore e del relativo trattamento.

 

Obiettivo formazione e informazione

Per far sì che la legge sia attuata adeguatamente e in tutta Italia, senza distinzioni o alterazioni regionali, occorre investire nella formazione dei professionisti sanitari e istituire nuovi percorsi informativi rivolti ai cittadini sull’esistenza della legge 38, sulle reti di cure palliative e di terapia del dolore.

Solo il 15% dei medici infatti conosce in modo approfondito la legge sul dolore, sempre il 15% afferma addirittura che il sistema di cure palliative non è disponibile sul proprio territorio. 

Come è normale, questa carenza ha forti ripercussioni sui cittadini, che non trovano nei medici stessi una guida sicura: tra le persone affette da dolore cronico, il 45% vive da più di 6 mesi senza trovare soluzione al problema e il 17% non trova rimedi efficaci per oltre 5 anni.

Cosa fare?

Comunque in caso di dolore prolungato, il primo passo fondamentale è rivolgersi al medico di base che potrà indirizzare verso il Centro di terapia del dolore e cure palliative più vicino. 

In questi ambulatori specializzati sono presenti team di medici di diverse discipline in grado di trattare al meglio il problema. 


Raccontaci la tua storia.
Saremo sempre dalla tua parte.

Contattaci, riceverai una consulenza gratuita senza alcun impegno.

Dopo aver cliccato su “Invia” riceverai una email automatica di conferma.
In caso contrario ti invitiamo a segnalarcelo scrivendo la tua richiesta di consulenza a: richieste@periplofamiliare.it


Web & Communication Design by The Sign Society